“Sotto una piccola stella”

 

Chiedo scusa al caso se lo chiamo necessità.
Chiedo scusa alla necessità se tuttavia mi sbaglio.
Non si arrabbi la felicità se la prendo per mia.
Mi perdonino i morti se ardono appena nella mia memoria.
Chiedo scusa al tempo per tutto il mondo che mi sfugge a ogni istante.
Chiedo scusa al vecchio amore se do la precedenza al nuovo.
Perdonatemi, guerre lontane, se porto fiori a casa.
Perdonatemi, ferite aperte, se mi pungo un dito.
Chiedo scusa a chi grida dagli abissi per il disco col minuetto.
Chiedo scusa alla gente nelle stazioni se dormo alle cinque del mattino.
Perdonami, speranza braccata, se a volte rido.
Perdonatemi, deserti, se non corro con un cucchiaio d’acqua.
E tu, falcone, da anni lo stesso, nella stessa gabbia,
immobile, con lo sguardo fisso sempre nello stesso punto,
assolvimi, anche se tu fossi un uccello impagliato.
Chiedo scusa all’albero abbattuto per le quattro gambe del tavolo.
Chiedo scusa alle grandi domande per le piccole risposte.
Verità, non prestarmi troppa attenzione.
Serietà, sii magnanima con me.
Sopporta, mistero dell’esistenza, se tiro via fili dal tuo strascico.
Non accusarmi, anima, se ti possiedo di rado.
Chiedo scusa al tutto se non posso essere ovunque.
Chiedo scusa a tutti se non so essere ognuno e ognuna.
So che finché vivo niente mi giustifica,
perché io stessa mi sono d’ostacolo.
Non avermene, lingua, se prendo in prestito
parole patetiche, e poi fatico per farle sembrare leggere.

Wisława Szymborska

(Traduzione di Pietro Marchesani)

 

hattie

Hattie

William Zanzinger killed poor Hattie Carroll
With a cane that he twirled around his diamond ring finger
At a Baltimore hotel society gathering
And the cops were called in and his weapon took from him
As they rode him in custody down to the station
And booked William Zanzinger for first-degree murder
But you who philosophize disgrace and criticize all fears
Take the rag away from your face
Now ain’t the time for your tears

William Zanzinger, who at twenty-four years
Owns a tobacco farm of six hundred acres
With rich wealthy parents who provide and protect him
And high office relations in the politics of Maryland
Reacted to his deed with a shrug of his shoulders
And swear words and sneering, and his tongue it was snarling
In a matter of minutes, on bail was out walking
But you who philosophize disgrace and criticize fears
Take the rag away from your face
Now ain’t the time for your tears

Hattie Carroll was A MAID IN THE KITCHEN
She was fifty-one years old and gave birth to ten children
Who carried the dishes and took out the garbage
And never sat once at the head of the table
And didn’t even talk to the people at the table
Who just cleaned up all the food from the table
And emptied the ashtrays on a whole other level
Got killed by a blow, lay slain by a cane
That sailed through the air and came down through the room
Doomed and determined to destroy all the gentle
And she never done nothing to William Zanzinger
And you who philosophize disgrace and criticize all fears
Take the rag away from your face
Now ain’t the time for your tears

In the courtroom of honor, the judge pounded his gavel
To show that all’s equal and that the courts are on the level
And that the strings in the books ain’t pulled and persuaded
And that even the nobles get properly handled
Once that the cops have chased after and caught ‘em
And that the ladder of law has no top and no bottom
Stared at the person who killed for NO REASONS
Who just happened to be feelin’ that way without warnin’
And he spoke through his cloak, most deep and distinguished
And handed out strongly, for penalty and repentance
William Zanzinger with a SIX-MONTH SENTENCES
Oh, but you who philosophize disgrace and criticize all fears
Bury the rag deep in your face
For NOW’S the time for your tears

The Lonesome Death of Hattie Carroll © Bob Dylan Music Co.

Hattie-Carroll

for once in my life

Good time for a change
See, the luck I’ve had
Can make a good man
Turn bad

So please please please
Let me, let me, let me
Let me get what I want
This time

Haven’t had a dream in a long time
See, the life I’ve had
Can make a good man bad

So for once in my life
Let me get what I want
Lord knows, it would be the first time
Lord knows, it would be the first time

glory days

….

Now I think I’m going down to the well tonight
and I’m going to drink till I get my fill
and I hope when I get old
I don’t sit around thinking about it
but I probably will
yeah, just sitting back trying to recapture
a little of the glory of, well time slips away
and leaves you with nothing mister but
boring stories of glory days

lucio

ha attraversato tanti anni di musica rinnovandosi sempre…ci ha accompagnato, con leggerezza o profondità, nelle nostre vite, aiutandoci a capire un pochino più di noi, ogni volta…

era un buon musicista, col cuore e con la testa….era una persona buona, generosa e profondamente umana…era un grande Poeta

ci manchi, Lucio

 

 

Dovevo essere un cretino come te
per stare a bocca aperta ad ascoltarti
parlare tutto il giorno malissimo di te
e la notte uscire fuori per cercarti
lo so perché tu sei dentro di me
e so che tu sei più forte di me
perché ci vuole solo un cretino come me
per stare ancora qui a telefonarti
e a farsi fare tutto il male che mi fai
solo perché mi piace perdonarti
perché tu sei, tu sei dentro di me
e poi tu sei molto più forte di me
E’ la verità
ma come si fa
dove saremo io e te
domani domani
saremo ancora così lontani
ci annuseremo da lontano come i cani, i cani
proprio come due bambini io e te, oh oh io e te, oh oh io e te
va bene allora adesso dimmi cosa fai
potremmo fare in modo di incontrarci
basta solo che mi dici stasera dove vai
che ci vediamo chissà se hai il coraggio di guardarmi
perchè, io so che sai che son dentro di te
e oh vedrai son più forte di te
E’ la verità
ed ecco come si fa
ecco cosa saremo io e te
domani domani
saremo nuvole nel cielo
così almeno non saremo più lontani lontani
e quando il vento lo vorrà ci incontreremo ci troveremo
io e te domani io e te………..